Statuto

STATUTO CENTRO SOCIALE TERONTOLA “Onlus

Associazione AUSER “Promozione Sociale di Base

La stesura di questo Regolamento è da ritenersi una integrazione alle norme dello statuto nazionale Associazioni “ONLUS” AUSER e gli articoli qui scritti riguardano esclusivamente questa Associazione.

Articolo 1

Gli aderenti all’AUSER accettano in toto lo Statuto dell’Associazione  in quanto ne condividono scopi e finalità.

Articolo 2

L’Associazione CENTRO SOCIALE TERONTOLA “ONLUS”  (da qui in poi C.S.T.”ONLUS”) Associazione per l’autogestione dei servizi e la solidarietà , opera, senza fini di lucro, nel settore della Promozione Sociale, ai sensi della L. n. 383/2000 e successive modifiche e integrazioni.

Realizza i propri scopi con le seguanti attività,  che seguono, elencare a titolo esemplificativo:

  • Sociali
  • Ricreative (Ballo, Gite, Cene …….)
  • Culturali /Visite guidate, Teatro……)
  • Corsi di ginnastica dolce riabilitativa
  • Vigilanza degli alunni delle scuole
  • Igiene del Territorio
  • Patrimonio Storico, Artistico e Culturale
  • Edizioni di stampe periodiche.

L’associazione comunque effettuerà ogni altra attività idonea al raggiungimento degli scopi di cui al precedente articolo.

Per realizzare le suddette attività si creano dei Gruppi di Lavoro e Commissioni di Lavoro, formati da Soci Volontari e/o Volontari esterni precisando che gli stessi vigileranno sui fruitori solo per il periodo di tempo durante il quale si svolge l’attività stessa.

Le attività, o alcune di esse, potrebbero avere un numero chiuso di partecipanti in relazione alla disponibilità dei Volontari e/o degli spazi seguendo il criterio di priorità di data di richiesta o domanda di ammissione.

Articolo 3

Possono diventare Soci dell’Associazione tutti coloro che abbiano compiuto il 18° anno di età e ne condividono gli scopi. La domanda di ammissione deve essere presentata al Consiglio Direttivo.

Articolo 4

Per diventare Socio dell’Associazione il richiedente, dichiarando di accettare, senza riserve, il Regolamento dell’Associazione,  deve compilare il necessario modulo nel quale dovrà specificare le proprie complete generalità. In base alle vigenti disposizione  di legge 675/97, tutti i dati personali raccolti saranno soggetti alla riservatezza ed impiegati per le sole finalità dell’Associazione previo assenso del socio. Le domande possono essere respinte dal Consiglio Direttivo dell’Associazione per i seguenti motivi:

  1. Intolleranza, discriminazione, e antidemocraticità già manifestate in altre Associazioni.
  2. Incompleta accettazione del Regolamento e dello Statuto Associativo.
  3. Comprovata pericolosità Sociale.

Articolo 5

I Soci potranno essere espulsi dall’Associazione C.S.T.  “ONLUS” per i seguenti motivi:

  • Per atti di indisciplina e/o comportamenti scorretti ripetuti che costituiscono violazione al Regolamento e dello Statuto
  • Per gravi motivi che abbiano arrecato danno morale e/o materiale all’Associazione
  • Per ostruzionismo e/o impedimento al regolare svolgimento delle attività previste
  • Per mancato rispetto delle norme del Regolamento dell’Associazione

La perdita di appartenenza a Socio dell’Associazione è deliberata dal Consiglio Direttivo dell’Associazione ed è inappellabile.

Articolo 6

Organi Associativi

Sono Organi dell’Associazione C.S.T. “ONLUS”:

  1. a) – L’Assemblea dei Soci

b ) – Il Comitato Direttivo

  1. c) – Il Presidente
  2. d) – Il Collegio dei Sindaci Revisori
  3. e) – La Giunta

L’Assemblea dei Soci

L’Assemblea dei soci è il massimo Organo Deliberante del C.S.T. “ONLUS”, viene convocata, di norma,  una volta all’anno dal Presidente ed in via straordinaria su richiesta scritta, di 1/3 dei componenti il Consiglio Direttivo e di almeno 2/3 dei Soci aventi diritto.

L’Assemblea è ritenuta valida, in prima convocazione, con la presenza della maggioranza dei Soci aventi diritto al voto e, in seconda convocazione, delibera con la maggioranza dei Soci presenti.

Hanno diritto ad esprimere il voto nell’Assemblea tutti i Soci  che, alla data delle votazioni, siano in regola con il tesseramento e i nuovi Soci che abbiano almeno 6 (Sei) mesi di iscrizione.

Ogni Socio avente diritto al voto può delegare altro Socio avente diritto al voto a rappresentarlo nelle votazioni Assembleari.

Ogni Socio ha diritto, nelle votazioni e nelle altre decisioni, di esprimere UN voto e  fino ad un massimo di 5 preferenze. Ogni Socio con delega ha diritto ad esprimere DUE voti.

L’Assemblea dei Soci:

a – elegge i componenti del Comitato Direttivo con votazione segreta

b – elegge i componenti del Collegio dei Revisori dei Conti,  anche in modo palese

c – delibera sulle modificazioni dello Statuto Associativo

d – approva i bilanci, le relazioni e le linee programmatiche.

Il Comitato Direttivo

Il Comitato Direttivo viene eletto dall’Assemblea dei Soci, dura in carica 4 anni ed è composto numericamente, secondo la determinazione dell’Assemblea, in un numero non inferiore a 15 (attualmente 21 componenti). Il rinnovo del Comitato Direttivo, così come tutte altre cariche elettive, verrà effettuato, nei punti dell’’Ordine del Giorno della convocazione Assembleare, dopo la relazione e successiva approvazione dei bilanci Preventivo e Consuntivo. Le candidature a tulle le cariche elettive dovranno essere presentate dagli eventuali candidati e scritte in apposito elenco che rimarrà esposto nella bacheca del Centro e/o locale elettorale almeno 7 giorni antecedenti le votazioni.

Il Comitato Direttivo uscente dovrà nominare i componenti della Commissione Elettorale, scelti tra tutti i Soci non candidati,  fornendo tutte le attrezzature e gli strumenti necessari al compito loro affidato:

  • Elenco aggiornato di tutti i Soci in regola con il tesseramento e con le norme Statutarie e Regolamentari
  • Eventuali deleghe complete di intestazione del Delegato e firmate dal Delegante con l’autorizzazione a  rappresentarlo, con diritto di voto,  all’Assemblea
  • Idoneo locale o spazio riservato necessario alla privacy dei votanti

Il Comitato Direttivo ha il compito di:

a  –  realizzare i deliberati dell’Assemblea dei Soci e dirigere l’Associazione a tutti gli effetti

b –  eleggere tra i suoi componenti,  il Presidente, il  Vice  Presidente  e stabilisce i  componenti la

       Giunta

c  –  decidere la nomina dei componenti e dei referenti delle commissioni e Gruppi di lavoro

d  –  emanare norme regolamentari e disciplinari

e  –  viene convocato dal Presidente o, per  assenza e/o impedimento, dal Vice Presidente almeno

       una volta al mese con preavviso di 5 giorni e con l’indicazione esatta dell’Ordine del giorno

f  –  delibera con il voto favorevole della maggioranza  dei componenti presenti

g  –  amministra il patrimonio dell’Associazione

h  –  delibera sui bilanci preventivi e consuntivi e sulla relazione dell’attività svolta

i  –  esercita il diritto di proposta sui candidati alla partecipazione alle Assemblee AUSER

j  –  elegge tra i suoi componenti un Segretario al quale affida precisi compiti a lui demandati

k  – elegge tra i  suoi  componenti un Tesoriere (Cassiere)  al  quale  affida  la responsabilità del

      settore contabile e finanziario

l  –  delibera sull’ammissione e sull’espulsione dei Soci.

Il Presidente

  • Dura in carica QUATTRO anni e non può essere riconfermato per più di DUE mandati consecutivi
  • Rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio
  • Convoca e presiede l’Assemblea dei Soci
  • Convoca e presiede il Comitato Direttivo
  • Convoca e presiede la Giunta
  • Predispone, unitamente ai componenti la Commissione, il bilancio preventivo e consuntivo
  • Vigila sul rispetto dello Statuto e del Regolamento
  • Può prendere urgenti decisioni con l’obbligo di sottoporle, senza indugio, all’approvazione del Consiglio assumendosi, fino a quel momento, personali responsabilità del proprio operato
  • Ha la prevalenza di voto In caso di parità nelle delibere del Consiglio.

Il Vice Presidente

  • In caso di assenza o impedimento, per qualsiasi motivo,  del Presidente le sue funzioni  sono  esercitate dal Vice Presidente

Il Collegio dei Sindaci Revisori

Il Collegio è composta da TRE membri effettivi e DUE supplenti, eletti con voto palese, a maggioranza semplice, dall’Assemblea dei Soci. Dura in carica QUATTRO anni ed è rieleggibile.

Il Collegio elegge nel suo interno il Presidente cui spetta la responsabilità della convocazione e del funzionamento del Collegio stesso. Ove si rende vacante la carica di Presidente, il Collegio provvederà a nominarlo nella prima convocazione successiva.

I Sindaci supplenti subentrano a quelli effettivi in ordine di età. La carica di Sindaco, all’interno dell’Associazione, è incompatibile con qualunque altra carica.

I componenti del Collegio possono partecipare alle riunioni dell’Assemblea e del Comitato Direttivo intervenendo ed esponendo pareri inerenti il loro mandato  senza, comunque, diritto di voto.

Il Collegio

  • Controlla periodicamente, con cadenza almeno trimestrale, la gestione amministrativa
  • Verifica la regolare tenuta delle scritture e dei documenti contabili riferendone, per iscritto, al Comitato Direttivo
  • Esamina il bilancio preventivo e ne riferisce per iscritto al Comitato Direttivo ed all’Assemblea dei Soci
  • Predispone una relazione annuale da presentare in sede di approvazione del bilancio consuntivo al Comitato Direttivo ad all’Assemblea dei Soci
  • Ha la facoltà, con relazione motivata ed approvata all’unanimità da parte del Collegio stesso, in caso di documentate irregolarità contabili, di deferire alla Commissione di Garanzia dell’AUSER.

 

 

 La Giunta

  • Compongono la Giunta le seguenti figure:

–          Il Presidente

–          Il Vice Presidente

–          Il Segretario

–          Il Tesoriere (Cassiere)

–          Il Responsabile Commissione Bilancio

–          Il Responsabile Commissione Servizi Sociali

–          Il Referente di uno dei Gruppi di Lavoro nominato tra tutti i Referenti.

  • Viene riunita dal Presidente con lo scopo di pianificare argomentazioni proposte e approvate dal Consiglio Direttivo
  • Elabora bozze di normative, regolamenti e quant’altro attiene l’attività del Centro da sottoporre alla discussione ed approvazione da parte del Consiglio Direttivo

Tutte le cariche elettive sono prestate a titolo personale, spontaneo, volontario e gratuito senza fini di lucro, anche indiretto. Possono essere rimborsate le spese effettivamente sostenute per l’attività prestata entro i limiti  preventivamente stabiliti dall’Associazione stessa ed inseriti in apposito regolamento interno.

Esercizio Sociale

L’esercizio finanziario dell’Associazione inizia il 1° Gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Eventuali avanzi di gestione potranno essere impegnati per la realizzazione delle attività istituzionali e comunque non potranno essere distribuiti se non a favore di altre Associazione o destinati ad altri fini previsti dalle leggi vigenti

Patrimonio

Il Patrimonio dell’Associazione è costituto da:

  • Contributo dei Soci
  • Contributi dello Stato, di Enti o Istituzioni pubbliche finalizzati esclusivamente al sostegno di specifiche e documentate attività e progetti
  • Contributi Privati
  • Contributi da organismi Comunitari
  • Donazione o lasciti testamentari
  • Rimborsi derivanti da convenzioni
  • Entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali, attività connesse, attività complementari.

Scioglimento e devoluzione dei beni

  1. Lo scioglimento dell’Associazione per cessazione dell’attività o per qualunque altra causa deve essere deliberato dall’Assemblea con il voto favorevole di almeno i ¾  (Tre/Quarti) dei Soci aventi diritto.
  2. In caso di scioglimento, per qualunque causa, dell’Associazione il Patrimonio è devoluto ad altra Associazione con finalità analoghe, indicata anche dall’AUSER territoriale competente, sentita l’Agenzia istituita con D.P.C.M. del 26 settembre 2000, o a fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Bilancio Preventivo

Per ciascun esercizio finanziario, entro il 30 marzo, il Presidente predispone per l’anno corrente un bilancio e una relazione sul programma di attività. Il Bilancio Preventivo e la relazione sul programma di attività devono essere approvati  dall’Assemblea dei Soci entro il 30 aprile di ogni anno.

Bilancio Consuntivo

Per ciascun anno solare, il Presidente predispone un bilancio consuntivo – costituito da stato patrimoniale , rendiconto gestionale, nota integrativa e relazione sulla gestione – e una relazione sulle attività svolte. Il bilancio consuntivo, con allegata la relazione sulle attività svolte, deve essere comunicata e fatta visionare al Collegio dei Sindaci almeno 15 giorni prima della data fissata per l’approvazione da parte dell’Assemblea dei Soci, che deve avvenire entro il 30 aprile di ogni anno. Il bilancio consuntivo insieme alla relazione sul programma di attività e alla relazione del Collegio dei Sindaci devono essere depositati in copia presso la Sede dell’Associazione durante i 3 giorni che precedono la riunione dell’Assemblea, affinché  i Soci possano prenderne visione.

Disposizioni Finali e di Attuazione

  1. La eventuale variazione dai Registri di Volontariato, Promozione Sociale o Mista (Volontariato/Promozione Sociale) e la successiva iscrizione in una delle tre tipologie, non costituisce causa di scioglimento della medesima Associazione.
  2. Per quanto non espressamente contemplato nel presente Regolamento Associativo, valgono le Norme dello Statuto “Associazione AUSER Promozione Sociale”

Il  Presente  Statuto è stato  approvato  dall’Assemblea dei  Soci del C.S.Terontola “Onlus” entra in vigore il giorno 01 gennaio 2011.